Non solo una cena da menù senza lattosio e glutine ma un’ occasione per annunciare l’apertura della Accademia del “Mondo delle intolleranze”, un punto d’incontro per tutti coloro che amano la cucina.

Il 27 giugno è andato in scena il terzo appuntamento della Cena di Gala con i grandi Chef a favore dell’ associazione “il mondo delle intolleranze” con un grande menù del senza al Golf Club di Carimate, luogo affascinante e piano di storia degli anni 50. La cena ha visto protagonisti grandi chef come Michele Terreni, Giancarlo Morelli e Alessandro Negrini che hanno stupito gli ospiti con un menù di 6 portate senza glutine e lattosio. Il loro unico scopo? Dimostrare che andare al ristorante ed essere intolleranti si può.

Giancarlo Morelli , chef ristorante Pomiroeu di Seregno, ha proposto come antipasto un Tuorlo d’uovo tiepido accompagnato da quinoa croccante e calamaro al profumo di erbe, mentre per secondo un Filetto di maiale con spinacino croccante e salsa ai frutti di bosco.
Alessandro Negrini, ristorante Il luogo di Aimo e Nadia di Milano, ha scelto come secondo antipasto la Crema di cicerchie delle Murge con mortadella e peperone crusco di Senise e come primo Fusilli con gamberi siciliani, verdure di stagione e pasta di pistacchi all’ erba limoncina.
Infine lo Chef residente Michele Terreni ha chiuso la cena con una Zuppetta di cetriolo, gin, melone e zafferano e un dessert di Cioccolato bianco con meringa, pompelmo rosa e Campari.

Ogni piatto è stato accompagnato dalle bollicine a etichetta Bortolomiol dell’azienda spumantistica creata a Valdobbiadene nel 1949.

Perchè una Cena di Gala con i grandi Chef per le intolleranze?

La Cena di Gala con i grandi Chef propone piatti stellari no glutine e lattosio senza rinunciare al gusto e alla grande cucina. Una sfida che ormai è stata colta dai più grandi chef come Teo Penati, Tano Simonato, Claudio Sadler, Tommaso Arrigoni, Carlo Molon e il Maestro Pasticcere Roberto Rinaldini. 

Un’ottima occasione per dimostrare che la cucina può incontrare senza ostacoli le esigenze di chi soffre di intolleranze alimentari.

Per questo il  mondo delle intolleranze aiuta ad affrontare al meglio le conseguenze fisiche e psicologiche legate ad una diagnosi di intolleranza alimentare fornendo ricerche, consigli e novità che riguardano questo mondo.

Un’ associazione senza scopo di lucro accreditata dalla Regione Lombardia ed  affiancata da uno staff corposo di cui fanno parte oltre ai soci fondatori, e agli operativi, un nutrito gruppo di consulenti scientifici composto da biologi, nutrizionisti e farmacisti.

Gusto, salute e cultura del “senza” si incontrano in Accademia.

Per Tiziana Colombo l’ Accademia è un mondo divenuto realtà. Luogo dove il gusto, la salute e la cultura si incontrano in uno spazio ideale per chi vuole vivere le intolleranze serenamente e conoscerlo a 360°.  Un polo multifunzionale capace di dare una risposta completa a chiunque voglia reagire alle intolleranze.

Durante la cena di gala al Gold club di Carimate ne annunciavano l’ imminente apertura:

Promuovere l’associazione è una questione sostanziale se crediamo nella necessità dell’aiuto che possiamo offrire – ha affermato Tiziana Colombo – Il progetto Accademia è pronto ed è stato approvato dagli organi competenti. La mia determinazione e quella dell’ingegner Tania Bellani che mi ha affiancato con la sua professionalità, ci ha portati alla meta: nella primavera 2018 saremo pronti con uno spazio di 300 mq attrezzato per formazione, eventi a tema, un luogo di riferimento per chef ed esperti scientifici con grandi competenze sui fenomeni delle intolleranze alimentari intorno ai quali ci sono ancora tanti temi controversi su cui confrontarsi”.

Trecento metri quadri dedicati interamente alle Intolleranze dove si svolgeranno corsi di cucina professionale e amatoriale, seminari, convegni, banqueting, showcooking. Una nuova avventura che partirà nella primavera del 2018 e vedrà coinvolti personalità di spicco del mondo della cucina e medici nutrizionisti.

I prossimi appuntamenti delle Cene di Gala con i grandi Chef sono: il 30 giugno a Napoli alla Taverna Riggiola, il 21 luglio da Giovannino a Malgrate e il 27 luglio a Teramo a Borgo Spoltino.

Photocredit: il mondo delle intolleranze

Autore

Se nella botte piccola si trova il vino buono, dentro di me scorre Brunello di Montalcino. Il pc è il mio compagno ideale, oltre a non russare e far briciole, mi aiutat durante la laurea in graphic design e a iniziare la mia avventura con www.gowoman.it. Social blogzine che ho fondato nel 2013, da una donna per le donne( e non). Quando non scrivo di moda, arte, tendenza e attualità con le mie collaboratrici, partecipo a eventi e cerco di non fermarmi. Se non per dormire. Tutto il resto è da scoprire!!

1 Commento

Scrivi un commento